La giustizia rapida dei barbari

Articolo del 19/11/2023

Condividi su FacebookCondividi su LinkedinCondividi su Twitter

C’è un modo per velocizzare i processi?

I Germani e altri popoli barbari risolvevano le controversie attraverso le ordalie, il giudizio di Dio. Questi rituali, profondamente radicati nelle loro culture, rappresentavano una forma di giustizia immediata, dove la volontà divina era invocata per stabilire l'innocenza o la colpevolezza di una persona. A differenza delle procedure legali moderne, le ordalie non si basavano su prove o argomentazioni, ma sulla fede nella giustizia soprannaturale.

Così il processo era decisamente più rapido rispetto alle lungaggini previste dal diritto romano, che si basava su un sistema di leggi e procedure più complesse e strutturate. La contrapposizione tra queste due visioni della giustizia rifletteva le differenze fondamentali nei sistemi sociali e culturali dei popoli dell'epoca.

Prendete ad esempio il processo a Riccarda di Svevia, moglie di Carlo il Grosso, imperatore del Sacro romano impero. La sua vicenda offre un affascinante spaccato della giustizia medievale e delle sue implicazioni sociali e religiose.

Nell’anno 887 Riccarda fu accusata dal marito di adulterio e per questo fu sottoposta all’ordalia del fuoco. La credenza era che, se innocente, sarebbe stata protetta da un intervento divino. Questo metodo di giudizio, pur essendo estremo e pericoloso, rappresentava una forma di risoluzione dei conflitti profondamente radicata nelle convinzioni dell'epoca.

La scena è qui rappresentata nel particolare del dipinto “L’ordalia del fuoco” di Dieric Bouts il vecchio. L'opera, ricca di dettagli e simbolismo, cattura l'intensità e la drammaticità del momento, riflettendo la tensione tra fede, superstizione e giustizia.

E pensate che Riccarda uscì indenne dalle fiamme e in seguito condusse una vita pia ritirandosi in convento. La sua storia, che mescola elementi di leggenda e realtà storica, è un esempio di come le figure femminili venivano percepite e giudicate in quel periodo.

Papa Leone X la canonizzò nel 1049 e divenne Santa Riccarda di Svevia. La sua canonizzazione testimonia l'importanza della religione nella vita quotidiana medievale e il ruolo che essa giocava nell'assegnazione del valore morale agli individui.

Per fortuna a noi toccano prove più miti, come superare indenni l'ordalia del PCT...

¬©2022 misterlex.it - [email protected] - Privacy - P.I. 02029690472